Bastano piccoli accorgimenti per trasformare la camera da letto in un luogo accogliente, particolare e versatile.


Quando le dimensioni della camera da letto lo permettono, oltre all’arredamento basico di armadio, letto e scrivania, ci si può sbizzarrire nel creare zone differenti, dall’angolo lettura ad una mini palestra. Vediamo insieme alcune idee per sfruttare lo spazio a disposizione in un modo intelligente e creativo.

1. Cabina armadio


La cabina armadio più essere semplicemente un armadio dell’altezza pari a quella della stanza: collocato dietro al letto fungerà da testiera e da separatore delle due zone. Superandolo lateralmente entrerete nell’area riservata ai cambi di look.
Sbizzarritevi con le soluzioni di cabine armadio Mab per arredare e decorare come meglio preferite il vostro “camerino privato” in base ai vostri gusti ed alle vostre necessità. Per citare uno dei nostri preferiti, vi parliamo di Dressing: spaziosa e dalla struttura studiata per ospitare qualsiasi tipo di indumento e biancheria, risulta perfetta anche per i cambi di stagione, che possono essere ordinati nella parte più alta, per lasciare spazio in quella più bassa e comoda ai capi più utilizzati in base al periodo.

2. Vasca da bagno


Un tempo per lavarsi si faceva bollire l’acqua e la si versava in una vasca collocata al centro della camera da letto. Con il passare degli anni quest’usanza è andata persa, ma ultimamente sta tornando in vigore. Se sceglierete di dedicare parte della vostra stanza per ritagliarvi un momento di relax quotidiano, questa scelta sarà perfetta e contribuirà a trasmettere all’ambiente un’eleganza ed uno stile senza tempo. Edoné con la collezione di vasche UV disponibili con o senza piano d’appoggio, risulta la soluzione perfetta. La linea semplice e pulita per un design classico ma allo stesso tempo moderno, permettono a questo elemento di adattarsi perfettamente ad ogni camera da letto, sia che lo stile sia contemporaneo o vintage.

3. Zona lettura

La si può ricavare anche da una stanza non troppo generosa di dimensioni. La luce in questo caso è fondamentale: valutate la possibilità di ritagliare una zona di appoggio e seduta ad incasso nella parete in prossimità della finestra. Potrete decorare i lato con ripiani di libri e soprammobili e completare la seduta con qualche cuscino che aiuta ad isolare dal freddo della superficie.

4. Postazione trucco

Sempre di riflesso con il passato, lasciatevi ispirare dal design degli anni Cinquanta, quando le dive spesso venivano ritratte in bigodini sedute ad un tavolo di fronte allo specchio mentre si truccavano.
Sfruttate le forme irregolari della vostra stanza per creare nicchie, armadiature o inserire mobili su misura come una toeletta. Potete optare per lo specchio Diva di Cipì: la luce Led posta nella struttura metallica alle spalle dello specchio illumina corona di lino grezzo accoppiato e lavorato ad Origami, mentre la cornice circolare di Teak pregiato e lucidato racchiude lo specchi. Sarà un oggetto che nella sua particolare semplicità regalerà un segno di grande eleganza e di stile inconfondibile alla camera da letto.

5. Zona studio


Non trascurate le vostre passioni per mancanza di spazio e ritagliate zone dedicate alle attività che più amate. Ricordate che valutare i punti di luce naturale sarà fondamentale per la scrivania. Se lavorate con molte carte prevedete una piccola libreria con raccoglitori e con sportelli, mentre se il vostro hobby implica oggetti ingombranti studiate un cassettone o un paravento dove nasconderli una volta terminato l’utilizzo: ordine per la notte e funzionalità per il giorno. Una soluzione affascinante sono le librerie Classic Time firmate Devina Nais. La linea classica tendente al rustico si sposa perfettamente anche con gli ambienti più contemporanei dal design minimal, permettendo di mantenere ordinati soprammobili, libri o collezioni.

6. La palestra

Niente di meglio che disporre a casa di un angolo per svolgere attività fisica, toccasana per la mente e per il corpo. Se siete amanti dello yoga o del pilates, potete optare per l’inserimento di strumenti a parete, che scompariranno totalmente una volta terminato l’allenamento. Valutate di riservare lo giusto spazio per gli esercizi a corpo libero o per il posizionamento di attrezzi cardio di ultima generazione, oggi disponibili anche in strutture pieghevoli per garantire l’ordine quando non vengono utilizzati.

Come tocco finale non dimenticate di ritirare e sistemare il tutto una volta terminata l’attività e di studiare un’illuminazione adeguata che tolga l’attenzione da questa zona. Pe riposare bene bisogna pensare al sonno e non allo sport.

Mab 

Edoné

Devina Nais